Ivana Cerato


Membro del consiglio direttivo
ivana.cerato@gmail.com
Add me to Skype

IVANA CERATO was born in Trieste in 1973. She is a classical archaeologist, a founding member of Past in Progress and President of Virtual Heritage Network-Italia, an association which since 2005 has undertaken a series of activities related to cultural heritage through digital technology. She currently works with the Institute for Technology Applied to Cultural Heritage, CNR, Rome, where she works on the study and reconstruction of archaeological landscape through virtual reality systems. For Archeodig Project she is in charge of all aspects relating to the graphic documentation and management of data.
She has a degree in Classical studies from the University of Pisa with a thesis on Private Architecture in Pompeii. She then attended the School of Specialization in Archaeology at the University of Bologna, where she graduated with a thesis focused on the wall inscriptions in Pompeii. With her Ph.D. thesis, from the University of Padua, she turned her interests to the study of the territory, specifically a Venetian plain where she worked on the reconstruction of “total history”, from antiquity to the present day in order to evaluate its cultural role.
From 2000 to 2009 was responsible for the graphic documentation of certain sectors of the excavation of the Punic-Roman city of Nora (Ca). She has also been Manager of Graphic Documentation in a number of excavations in Italy (Populonia, Roma, Massaciuccoli) and abroad (Oman, Crete).
Since 2004 she has coordinated a group of students from the University of Padua in the project “Ca ‘Tron”. This project focuses on the reconstruction of the archaeological landscape based on the results of research using visual aids as hypothesis-verification tools and the geographic-territorial contextualization of the gathered information.
She coordinates the VHN events and activities, including the organization of the Italian School of Virtual Archaeology, a training course with the aim of reconstructing the archaeological landscape through virtual reality systems. Similarly, Ivana works on ArcheoVirtual events which focus on the most up-to-date virtual reality experiments, taking place each year during the Borsa mediterranea del Turismo Archeologico in Paestum (SA).

IVANA CERATO è nata a Trieste nel 1973. E’ archeologa classica, socio fondatore di Past in Progress e Presidente di Virtual Heritage Network Italia, un’associazione che dal 2005 è impegnata in attività legate alla valorizzazione del Patrimonio Culturale attraverso la tecnologia digitale. Attualmente collabora con l’Istituto per le Tecnologie applicate ai beni culturali del CNR di Roma, dove si occupa dello studio e della ricostruzione del paesaggio archeologico mediante sistemi di realtà virtuale; è referente di Archeodig Project per tutti gli aspetti che riguardano la documentazione grafica e la gestione dei dati.
Si è laureata in Lettere Classiche con indirizzo archeologico presso l’Università di Pisa, con una tesi sull’Architettura privata in ambito pompeiano. Successivamente ha frequentato la Scuola di Specializzazione in Archeologia presso l’Università di Bologna, dove si è diplomata con una tesi incentrata sulle iscrizioni parietali a Pompei. Con la sua tesi di Dottorato, discussa presso l’Università di Padova, ha rivolto i propri interessi allo studio del territorio, occupandosi della ricostruzione della “storia totale”, dall’antichità ai giorni nostri, di un settore della pianura veneta e della sua valorizzazione in chiave culturale.
Dal 2000 al 2009 è stata responsabile della documentazione grafica di alcuni settori dello scavo della città punico-romana di Nora (Ca). Inoltre ha partecipato, come responsabile del rilievo, a numerosi scavi in Italia (Populonia, Roma, Massaciuccoli) e all’estero (Oman, Creta).
Dal 2004 coordina un gruppo di studenti dell’Università di Padova nell’ambito del progetto “Ca’ Tron”, incentrato sulla ricostruzione a partire dai risultati delle ricerche, del paesaggio archeologico, utilizzando le simulazioni visive come strumento di verifica delle ipotesi emerse e la contestualizzazione geografico-territoriale in chiave diacronica delle informazioni raccolte.
Coordina le attività di VHN tra le quali l’organizzazione della Scuola italiana di Archeologia Virtuale, indirizzata alla ricostruzione del paesaggio archeologico attraverso sistemi di realtà virtuale; di Archeovirtual, mostra focalizzata sulle più recenti sperimentazione di realtà virtuale che si svolge ogni anno in occasione della Borsa mediterranea del Turismo Archeologico a Paestum (SA).

Comments are closed.