Francesco Ghizzani Marcia


Socio fondatore
francescoghizzani@yahoo.it

FRANCESCO GHIZZANI MARCÌA was born in Piombino in 1977. He’s a Classical Archaeologist, Field Supervisor in the archaeological excavation of the Roman villa of Poggio del Molino; he is a Charter Member of the cultural association Past in Progress, member of the executive council of the Archaeological Association of Piombino, and member of the scientific committee for the publishing of the Italian review Rassegna di Archeologia.
His First Degree is in Classics and then he took he specialised in Archaeology at the University of Pisa, where is currently finishing his Ph.D. Thesis. The subject of this is the reconstruction of three roman temples on the Acropolis of Populonia and their terracotta decorations). His primary research interests are the roman material culture, with a special focus on Central Italy during the Republican and first Imperial period, and the buildings connected to the Roman road system.
He has conducted archaeological surveillance in many Tuscan cities (Pisa, Pietrasanta, Pontedera, Campiglia), has participated and lead excavations in important Italian sites: Populonia (different sections of the Etruscan-Roman city and the roman villa of Poggio del Molino), Pisa (San Rossore’s Roman ships and Via Marche’s Villanovian Necropolis), Montelibretti (Sabine necropolis with underground chamber graves), Nora (different sectors of the Phoenician-Punic-Roman city) and also took part in Italy’s CNR scientific team in an international excavation project in the Roman city of Althiburos (Tunisia). He has been responsible for the cataloguing and managing of archaeological museum stores (Pietrasanta e Massaciuccoli), and also for the mounting of archaeological exhibits (Massaciuccoli Archaeological Museum & the Museum of the Ancient Roman Ships of San Rossore), working in collaboration with the Superintendence of the Archaeological Heritage of Tuscany.
He gives periodical lectures in the University of Pisa, mostly on the subject of the methodology of the excavation and archaeological research, and leads Roman pottery labs. He works on the archaeological graphic documentation (finds and field recording), but also does free-hand drawings to help in the communication of archaeological discoveries. Francesco drew the majority of the drawings in the textbook “Fare l’archeologo, per passione e per mestiere”.
The results of his research have been widely published in professional reviews, popular publications and tourist guides.

FRANCESCO GHIZZANI MARCÌA è nato a Piombino nel 1977. È archeologo classico, responsabile sul campo nello scavo della villa romana di Poggio del Molino, socio fondatore dell’Associazione Culturale Past in Progress, membro del Consiglio dell’Associazione Archeologica Piombinese e del comitato scientifico di redazione della Rivista Rassegna di Archeologia.
Ha conseguito la Laurea magistrale in Lettere Classiche e il Diploma di Specialista in archeologia classica presso l’Università di Pisa, dove sta per concludere anche il Dottorato di Ricerca, con una tesi riguardante la ricostruzione dei templi dell’acropoli di Populonia e le loro decorazioni in terracotta.
Tra i principali ambiti di ricerca vi sono lo studio della cultura materiale di epoca romana, con particolare riferimento all’area centro-italica di età repubblicana ed alto–imperiale e gli edifici romani connessi alla viabilità.
Oltre a condurre interventi di assistenza archeologica in alcuni centri toscani (Pisa, Pietrasanta, Pontedera, Campiglia), ha partecipato e condotto scavi in importanti siti italiani, come Populonia (diversi settori della città e villa romana di Poggio del Molino), Pisa (navi romane di San Rossore e necropoli villanoviana di Via Marche), Montelibretti (necropoli sabina con tombe a camera), Nora (scavo di vari settori della città fenicio-punico-romana) ed ha fatto parte dell’équipe scientifica del CNR, nella missione internazionale italo-tunisina, presso la città romana di Althiburos (Tunisia). Ha inoltre svolto incarichi di catalogazione e gestione di depositi museali (Pietrasanta e Massaciuccoli), ed ha preso parte all’allestimento di realtà museali (Antiquarium Comunale di Massaciuccoli, Museo delle Navi Romane di San Rossore), in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana.
Svolge periodicamente cicli di lezioni presso l’Università di Pisa, come beneficiario di un assegno per le attività di sussidio alla didattica, occupandosi prevalentemente di metodologia dello scavo e della ricerca archeologica e di laboratori sullo studio della ceramica romana. Si occupa di disegno dei reperti mobili e documentazione grafica di scavo, ma anche di disegni a mano libera, finalizzati alla comunicazione archeologica (ha realizzato parte delle illustrazioni del manuale “Fare l’archeologo per passione e per mestiere”).
I risultati delle sue ricerche sono stati oggetto sia di pubblicazioni scientifiche che di articoli di più ampia diffusione e guide turistiche.

Comments are closed.